Il socio

Standard
L’appuntamento con una nuova pagina è d’obbligo, data la piovosità del mese. Vorrei parlarvi del mio stato d’animo attuale, dell’abbattimento del muro dei trenta ed amenità del genere. Vorrei parlarvi di Matrix che mi perseguita e non mi vuole lasciare tranquilla. Vorrei parlarvi delle due volte che oggi sono rimasta senza parole, raccontare di come mi sono stupita, ma non lo farò è prematuro. Rinvio le considerazioni sulla mia vita ed i miei pensieri e vi posto un pezzo dalle mie memorie lavorative…tanto per far felice un mio amico che certamente gradirà…(Praticamente ti cito in continuazione ed esaudisco le tue richieste..prima o poi sarai chiamato a partecipare attivamente..buona lettura).
“Lei lo sa che rumore fa un pugnale che affonda nella carne?”, quello che parla è il mio socio: “Il Socio di Aurora”. E’ un signore siciliano con capelli e baffi bianchi, naso sottile e mobile. Arguto, sagace e colto, qui non lo sopporta nessuno per la sua abitudine di recuperare dal pavimento ( e non solo…) i biglietti vincenti che i disattenti buttano via ( o lasciano incustoditi), ignari della vincita che nascondono. Bollette vincenti per cambio dell’ordine di arrivo, rimborsi, ritiri…ha un vero talento nel pescare sempre qualcosa di buono. E’ malvisto per questa pratica e forse perché, con chi non reputa “degno” della sua confidenza, è un po’ maligno. Parliamo di politica, attualità, letteratura, scienza; si interessa ai miei studi, alla mia vita, scherza mordace. Lo spunto del giorno è la sicurezza nei parchi ed i porno finlandesi (tanto cari al nostro Primo Ministro). Ho detto che mi sarei procurata un kris per liberarmi delle raccomandazioni di mia mamma, apprensiva, e lui mi ha posto il quesito. “Che ne so che rumore fa una lama nella carne! Farà il rumore di carne rotta…”, e lui “Fischia…”. Il tutto condito da una mimica che lasciava intendere “Non me lo faccia dire, è meglio non dirlo e non le dico come e perché lo so”. Il socio…a volte mi chiedo cosa ci sia nel suo passato oltre una maturità classica, l’interruzione degli studi di medicina, un lavoro da assicuratore ed un divorzio. Mafia? Malavita? Malasorte? Tempo fa ho notato una cicatrice sulla gola che ha tutta l’aria di non provenire da uno stainless sterile. Dopo una breve digressione su un medico condannato per violenza, al quale era stato servito un piatto a base di testicoli (i propri), prima di essere messo a guardare da vicino il soffitto, siamo passati alla talassemia e alla sua diffusione in zone di endemia malarica (‘zzo parlo pizzuto oh!). Voglio la maglietta di Hello Kitty. Maurino ha il cancro, è nuovamente in chemioterapia, fino ad un anno fa fumava a dispetto del divieto, ora sacramenta se qualcuno lo fa in cortile con la porta aperta. Con la malattia è diventato più piantagrane di prima, secondo me nella sua mente contorta dobbiamo tutti espiare la colpa di non essere al suo posto. C’è scritto GIGATEK sull’etichetta posta sotto il display…uhm, interessante. (Breda è un ippodromo di Padova e lo hanno appena gemellato con Pontecagnano, dando origine a Ponte del Brenta!).
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...