God hates us all

Standard

Un fottuto bastardo dal cuore d’oro. Un nichilista inguaribile romantico. Un sogno dalla messa a fuoco sgranata. Un disastroso punto di partenza. Una transizione metamorfica. Un vero casino da incasinati. Sesso, droga, rock’n’roll ed i cliché più originali che riusciate ad immaginare. Tutto reinventato senza inventare nulla, ma semplicemente ben riuscito. Tutto questo è Californication, non la canzone dei RHCP, ma la miniserie con David Duchovny  (il fighissimo agente Mulder di X-Files) trasmessa dal network Showtime (quello di Dexter, il serial-killer e Weeds la spacciatrice, per intenderci) in questi mesi. Mi sono imbattuta in questa serie per caso, 12 episodi di 26-27 minuti ciascuno. All’inizio la trama sembra ordita tanto per provocare il pubblico benpensante e mettere in video un po’ di tette e culi che faranno parlare, poi ti rendi contro che la sfrontatezza iniziale è voluta, necessaria ed efficace ed arrivi alla puntata 12 alla ricerca di qualcosa, sperando nel “tuo cazzo di lieto fine” e alla fine ti ritrovi ad aver visto un telefilm davvero carino e ben fatto, senza troppe pretese, ma con risultati decenti. Non so se ci sarà un seguito, una seconda serie (e francamente non ne vedo la necessità e anzi, spero proprio di no), ma la prima la consiglio a tutti, specialmente a chi come me adora lo zio Hank…

Dalla bellissima colonna sonora segnaliamo (io e l’omino nel cervello) la suggestiva Rocket Man, cover del brano di E.John, nella bellissima versione dei My Morning Jacket, e la dedichiamo a tutti i razzi in circolazione…

She packed my bags last night

pre-flight

Zero hour nine a.m.

And I’m gonna be high as a kite by then

I miss the earth so much

I miss my wife

It’s lonely out in space

On such a timeless flight

And I think it’s gonna be a long long time

Till touch down

brings me round again to find

I’m not the man 

they think I am at home

Oh no no no

I’m a rocket man

Rocket man burning out his fuse up here alone

Mars ain’t the kind of place

to raise your kids

In fact it’s cold as hell

And there’s no one there 

to raise them if you did

And all this science

I don’t understand

It’s just my job

five days a week

A rocket man, a rocket man

And I think it’s gonna be a long long time...

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...